Via de Neri locandina

Via dei Neri, Grassi e Verdi: “Sulla efficacia dell’atto vedremo passato l’effetto ‘novità’ dei primi giorni”

Per risolvere il problema l’ordinanza di sicuro non è sufficiente
“L’ordinanza del sindaco per via dei Neri, l’unica risposta che l’amministrazione comunale ha saputo dare all’aumento di tensioni tra commercianti e residenti, da una parte, e fiorentini e turisti che mangiavano sui marciapiedi, dall’altra, pare aver prodotto un effetto placebo più che risolto i problemi. Vedremo sull’efficacia dell’atto una volta passato l’effetto ‘novità’ dei primi giorni dall’entrata in vigore e speriamo di sbagliarci e di non doverla ritenere l’ennesimo buco dell’acqua di Nardella e compagnia. Certo è che per risolvere il problema l’ordinanza di sicuro non è sufficiente: servono soluzioni strutturali e immediate. Ripetiamo la nostra richiesta di mettere panchine fisse e sedie con tavolini removibili fuori dagli orari dell’ordinanza per la libera consumazione dei pasti nelle zone più vicine a via dei Neri, come in altre zone del centro.”
“Il testo dell’ordinanza, che ci siamo letti attentamente, cosa che forse i commercianti della zona non avranno fatto avendo in tanti esultato per l’atto del Comune senza rendersi conto delle insidie che si celano dietro all’improvvisazione, incompetenza e cialtroneria nella gestione dei vertici della Polizia Municipale. Non solo è, come si è già visto, fallace perché gli avventori con panini e bibite vanno altrove per sottrarsi alla mannaia dell’ordinanza: senza neppure far troppa fatica, basta rifugiarsi nelle traverse di via dei Neri, da via Osteria del Guanto alla vicina via Castello D’Altafronte, o via dei Leoni, arrivando persino a piazza dei Giudici, a piazza Signoria, alla Loggia dei Lanzi o in piazza San Firenze sulle comodissime gradinate, ma i rischi sono grossi anche per i commercianti. Nella confusione giuridica e nella fretta della scrittura si vieta di sedersi sui gradini delle entrate delle case, che sono proprietà privata sulla quale la Polizia Municipale non ha competenza ma si può gustare comodamente il panino sulle ‘palle’ di piazza del Grano. Paradossale e alla soglia del ridicolo che l’ordinanza parli di voler sanzionare solo chi consuma alimenti, e non anche bevande. Per cui chiunque si siederà a bere un fiasco di vino sui marciapiedi in via dei Neri potrà farlo comodamente, come comodamente chiunque potrà, camminando, gustare il proprio panino, purché non si soffermi o si trattenga. Come si può pensare che chi dovrà far applicare si possa esporre a questa ridicola previsione. Non sarà il caso, se si vuol essere onesti, di cambiare il testo dell’ordinanza? Si pensa poi che il 6 gennaio, quando l’ordinanza decadrà, con la Befana tutti i problemi di via dei Neri saranno portati via insieme alle feste?”
“Qualcuno è andato a dire ai commercianti delle zone coinvolte dall’ordinanza, quindi non solo via dei Neri nell’intero tratto, che devono mettere al pubblico copia della locandina del Comune, il cui obbligo è contenuto nell’ordinanza? E che se non lo faranno non rischieranno la multa in denaro ma la denuncia penale, quella sì? Forse non sarebbe stato meglio non inserire nella ordinanza questo obbligo bizzarro? Ed ancora i commercianti che finora hanno potuto mettere in violazione delle norme, i menù esposti all’esterno dei propri locali, piante, sedie e tavolini sul suolo pubblico senza autorizzazione, espandendosi rispetto alla superficie del proprio locale, adesso saranno sanzionati? Oppure il Comandante Casale e il sindaco Nardella, insieme all’assessore Gianassi, chiederanno di chiudere gli occhi agli agenti della Polizia Municipale? Eppure sono due giorni che esponenti esimi dell’amministrazione comunale trascorrono ore e ore in via dei Neri, possibile che non si siano resi conto delle numerose irregolarità? La città è d’accordo a destinare ben 12, fino a 14, agenti della Polizia Municipale al giorno per far rispettare una ordinanza che riguarda 4 tra strade e piazze?”

Pubblicato lunedì, 1 Ottobre 2018 alle 15:32