Ahed Al-Tamini

Verdi, Trombi e Grassi: “Approvata la Risoluzione per l’immediata liberazione di Ahed Al-Tamimi”

“Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la Risoluzione per l’immediata liberazione di Ahed Al-Tamini presentata dal Gruppo Firenze Riparte a Sinistra e fatta propria dalla Commissione consiliare n. 7, la ragazza palestinese di 16 anni arrestata per aver tirato uno schiaffo a due militari israeliani, in tenuta di guerra, dopo che suo cugino di quindici anni era stato ferito gravemente da una pallottola e portato in coma all’ospedale. – affermano la Consigliera comunale Donella Verdi, insieme ai Consiglieri Giacomo Trombi e Tommaso Grassi – Ahed e la sua famiglia vivono nel villaggio di Nabi Saleh, dove i coloni di Halamish si sono impadroniti delle fonti d’acqua con la protezione dell’esercito israeliano.”

“La protesta e resistenza non violenta di Nabi Saleh si è caratterizzata per la forte presenza di donne e giovani. Ahed sarà giudicata da un tribunale militare, mentre i coloni israeliani vengono giudicati da un tribunale civile. Dal 1967 sono stati più di 800 mila i palestinesi incarcerati per motivi politici e attualmente sono circa 400 i minori incarcerati.”

“La Risoluzione approvata chiede l’immediata scarcerazione di Ahed Al-Tamimi, che sia rispettato il diritto internazione di protezione dei minori, la cessazione dell’occupazione dei territori palestinesi da parte dei coloni e che siano rese disponibili a tutti e a tutte le risorse essenziali come l’accesso all’acqua.”

“La Risoluzione sottolinea inoltre l’importanza di costruire relazioni tra i popoli che non siamo basate o fondate sull’uso delle armi o sulla violazione del diritto internazionale, sulla persecuzione dei reati di opinione o sulla negazione delle libertà individuali.”

Pubblicato venerdì, 23 Marzo 2018 alle 15:36