Trombi, Grassi e Verdi (Firenze Riparte a Sinistra) “Da Betori la richiesta di far le pulizie per gli ospiti, piuttosto che un attacco politico”

Mortificante usare degrado e sicurezza in questo modo: un passaggio dell’omelia che il Cardinal Betori ha pronunciato il giorno del patrono di Firenze ci ha particolarmente infastidito, ovvero “Mi si permetta di invitare la comunità ecclesiale e la città tutta a prepararsi in modo adeguato all’incontro con il Santo Padre, con la preparazione delle menti e dei cuori, ma anche con il ristabilimento della dignità e della sicurezza dei luoghi, attraverso un’efficace azione di contrasto al degrado in cui tutti dobbiamo sentirci impegnati. Firenze, la nostra città, non può essere trattata come uno spazio in cui ciascuno ha il diritto di trasgredire, di danneggiare e di esprimersi in modo indegno di un essere umano”.

Non abbiamo certo intenzione di ricordare al Cardinale come le frequentazioni di Cristo includessero prevalentemente i rappresentanti di un’umanità che oggi non esiteremmo a definire “pesantemente degradata”, né di intervenire sull’invito a preparare menti e cuori, questi ultimi materia di competenza sicuramente ecclesiastica. Ci colpisce l’invito con riferimento alla visita del Pontefice, quasi una richiesta esplicita, e in questo senso vorremmo ribadire che il degrado e la sicurezza sono di competenza della politica, e che sono temi che interessano la città non solo quando è atteso un ospite importante.

Ci saremmo forse aspettati un richiamo, per i cattolici, ai vincoli di solidarietà sulla quale la città dell’uomo si costruisce, sarebbe stato un bel contributo e avrebbe forse elevato un po’ il dibattito in un periodo di barbarie mediatica e politica, in cui la povertà, la miseria e l’abbandono, concetti che richiamano a responsabilità umane, civiche e politiche, vengono ormai per prassi sostituiti dai termini degrado e sicurezza.

Tutto mettiamo un po’ d’ordine in casa quando si aspettano ospiti, ma chiederlo esplicitamente ad altri ci sembra tuttavia un po’ poco carino, specialmente se si sfruttano argomentazioni come queste.

Pubblicato venerdì, 26 Giugno 2015 alle 13:07