Trasparenza delle fondazioni, Grassi (Frs): “Pd cambia idea, nostra proposta bocciata”

“Nardella continua ad amministrare Firenze con arroganza”

“Chiediamo maggior trasparenza per gli atti delle fondazioni come Maggio Musicale, Fondazione Strozzi, Gabinetto Viesseux. Presentiamo una delibera per averla, che in commissione il Pd approva, e oggi il voltafaccia. Bocciata dopo il diktat di Nardella”. Così Tommaso Grassi, capoguppo di Firenze riparte a sinistra, commenta quanto successo oggi durante la seduta del Consiglio comunale. E spiega: “ La mia amarezza è dovuta al fatto che ci abbiamo lavorato tutti insieme, abbiamo accettato anche emendamenti della maggioranza e così all’ultimo momento si butta tutto alle ortiche”.
“La motivazione? E’ difficile da trovare. In mattinata – continua Grassi – già c’erano stati tentativi di rinvio. Con scuse legate a pareri tecnici non presenti nell’atto. Poi arrivati al momento del voto, il Pd cambia idea e boccia la nostra proposta. Insomma verrebbe da parafrasare Giachetti”.
“E’ l’ennesimo colpo di coda di questa amministrazione. Non ascolta i cittadini, non ascolta i consiglieri, e continua ad andare avanti con arroganza” conclude Grassi.

Pubblicato lunedì, 19 Dicembre 2016 alle 18:15