Trasferimento Mercafir, Grassi: “Il Comune non nega i problemi delle aree scelte ma sorvola sulle soluzioni”

“Problemi di dimensioni delle aree, di localizzazioni, di sistema di mobilità e di vincoli esistenti sulle due aree individuate per poter ospitare il trasferimento di Mercafir. L’assessore Perra e il sindaco Nardella fanno finta di niente”. Così Tommaso Grassi commenta le risposte evasive dell’amministrazione alle interrogazioni presentate nell’ultima seduta di Consiglio comunale presentate dal suo gruppo Firenze riparte a sinistra. E si chiede “Quali dovrebbero essere quindi i dettagli e i parametri in base Mercafir e il Comune dovranno scegliere tra l’area dell’Osmannoro e quella di Quaracchi? Non ci sono dettagli e siamo preoccupati di questa situazione”. Il consigliere Grassi incalza “La Giunta è in mano a uffici che non sono all’altezza di gestire un’importante operazione come quella del trasferimento del mercato ortofrutticolo, e che messi di fronte a rilievi, a cui è indispensabile conoscerne i dettagli preferiscono non rispondere”.

Nessuna risposta soddisfacente quindi e Grassi conclude “L’unica cosa chiara è che l’operazione sarà fatta in ogni caso. Anche a costo di mandare verso la distruzione il tessuto economico e agroalimentare fiorentino e toscano. Non sarà che la politica si è sostituita ai tecnici nel decidere che quelle aree, le uniche disponibili, non possono essere dichiarate inadatte? Nardella dovrebbe gettare la.maschera e ammettere che per mesi il Comune ha gettato fumo negli occhi a grossisti e cittadinanza”.

Pubblicato martedì, 17 Novembre 2015 alle 16:19