tramvia verso Bagno a Ripoli

Tramvia sui viali verso Bagno a Ripoli, Grassi, Verdi e Alberici: “Trovare soluzione tecnica”

“Dopo le parole del Sovrintendente cancelliamo definitivamente il sottoattraversamento dal centro storico”

Queste le dichiarazioni dei consiglieri del gruppo Firenze riparte a sinistra

“I rilievi della Sovrintendenza espressi nell’ultima conferenza dei servizi, nel merito, ci convincono: attenzione ai reperti archeologici che se sottovalutati potrebbero bloccare i lavori con i cantieri aperti per anni, la non modifica del disegno dei viali rispetto a Poggi senza spostare, previo abbattimento, gli alberi. Ci paiono due punti che avrebbero meritato una riflessione preliminare alla fase progettuale da parte del Comune.”

“Bene che la Sovrintendenza metta subito in chiaro i problemi che però possono essere risolti non rinunciando né al sistema della tramvia e neppure alla sua estensione verso Bagno a Ripoli. Quando abbiamo chiesto in Consiglio comunale, dopo la presentazione delle opzioni progettuali di Nardella al teatro Reims, che venissero rese pubbliche le analisi del traffico, i rendering e le conseguenze sugli assetti urbani extra tramvia, avevamo ragione a chiedere proprio di capire le conseguenze sulla città delle singole proposte.”

“Noi siamo favorevoli a realizzare la tramvia, fino a Bagno a Ripoli e, non dimentichiamoci, anche a Campo di Marte e Rovezzano: ma bisogna farla bene, con cantieri sostenibili e compatibili con la quotidianità, in tempi certi e salvaguardando l’assetto storico fiorentino, che la Sovrintendenza sottolinea nel proprio parere. Indispensabile non perdere tempo e trovare soluzioni come possono essere l’utilizzo dei controviali per la viabilità o per i binari e poi recuperare parcheggi nelle vicinanze: sono idee alternative al progetto del Comune atte a non tagliare gli alberi e accogliere i rilievi della Sovrintendenza sugli aspetti archeologici.”

“Dopo le parole del Sovrintendente Pessina e l’allarme lanciato sui rischi che potrebbe comportare il ritrovamento di reperti archeologici sui viali, per noi, sarebbe il caso di cancellare definitivamente l’idea di andare sotto al centro storico. Se ci sono problemi sui viali di circonvallazione per i reperti archeologici, pensate cosa potrebbe essere andare sotto le nostre piazze storiche”.

Pubblicato lunedì, 18 Febbraio 2019 alle 10:34