10507106_10203958399866536_2295148827386973981_oLeft su Tommaso Grassi

Tommaso Grassi su Left, tra i giovani politici italiani che possono far ripartire e unire la sinistra.

Ma che sorpresa stamani (e che grande responsabilità): su Left mi indicano come uno dei sette nuovi giovani politici italiani che possono far ripartire e unire la sinistra.
Ci proviamo, che dite?
Tommaso Grassi
 

Left su Tommaso Grassi

SE LA SINISTRA RIPARTE DA BABELE


Questo weekend, nella sua festa a Livorno, Giuseppe Civati lancerà una nuova associazione della sinistra, dal nome ‪#‎èpossibile‬. Chi vorrà iscriversi a questa nuova organizzazione riceverà in cambio non una tessera, ma un portatessera. È un’idea che ci ha colpito. Perché può essere letta in tanti modi. A noi è parsa un modo astuto di denunciare un problema e, nel contempo, tentare di risolverlo. Il problema è la frammentazione della sinistra. Nel box che compare in queste pagine, a titolo d’esempio, mostriamo le scissioni di Rifondazione comunista. Un fenomeno che, in queste dimensioni, è osservabile solo nella fisica atomica. Il tentativo di risoluzione consiste nell’offrire un “contenitore aperto”. Non una tessera, destinata fatalmente a essere prima o poi restituita ma, appunto, un “portatessere”, cioè un oggetto – e in prospettiva un luogo – dove in tanti possano ritrovarsi senza perdere la loro identità.

È un gioco. Un gioco politico. Un pretesto per ragionare attorno alla presenza di “qualcosa” a sinistra – del (o nel) Pci, poi Psd, poi Ds, ora Pd – che non è mai riuscita a assumere un’identità, oscillando tra partecipazioni titubanti a governi altrettanto titubanti e opposizioni destinate a modestissimi esiti elettorali. Tutto questo in un succedersi di leader che – salvo Nichi Vendola in Puglia – hanno accompagnato una serie ininterrotta di sconfitte al progressivo accrescimento della loro visibilità personale. 


Sempre per giocare, ci sarebbe stato un altro modo, sperimentato, per affrontare la questione: un “toto-rottamandi” con le immagini di quei leader il cui solo nome ha il potere di allontanare centinaia di migliaia di elettori dalle urne. Ma le pagine di left non sarebbero bastate. All’opposto, se avessimo trattato la questione dal punto di vista della cronaca, avremmo finito col colpire gli ultimi e meno colpevoli superstiti di questa lunga storia, magari andando a prenderli sulla scaletta di un aereo diretto a Montreal. Abbiamo così pensato, come si diceva un tempo, di volgere “in positivo” la cosa. Ci siamo concentrati (con l’arbitrarietà consentita in un gioco) sui giovani: Claudio RiccioElly SchleinAdriano Zaccagnini, Francesca Rispoli, Khalid Chaouki-BisTommaso GrassiIlaria Lani

Almeno nel portatessere non ci saranno tessere ammuffite.

Giovanni Maria Bellu

Pubblicato sabato, 12 Luglio 2014 alle 13:03

Iscriviti alla Newsletter