scuola paritaria

Tagli al finanziamento paritarie, Grassi: “Tuteliamo la scuola pubblica e non diamo in gestione i nostri servizi”

I tagli alle scuole paritarie sono ingenti. Questo quanto si è appreso dalle parole di Leonardo Alessi, il presidente del Fism, durante il convegno a Firenze tenutosi qualche giorno fa. E il consigliere Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, durante la seduta consiliare ha chiesto all’Amministrazione: “Quanto incidono questi tagli sulle scuole paritarie non di gestione religiosa? Quali sono i riflessi di questi provvedimenti?”.

“Chi ha a cuore la scuola – continua Grassi – non può non fare il punto della situazione. E sono soddisfatto per aver sentito dall’Assessora Giachi ribadito il valore dell’istruzione pubblica”.

Il capogruppo poi spiega: “Se diminuzione c’è stata e ci sarà, ritengo che sia una buona cosa che interessi principalmente le scuole di ispirazione religiosa. Questo perché un servizio pubblico esiste ed è una scelta, legittima certo, delle famiglie di non usufruirne”.

“E poi vorrei fare un appello – conclude Grassi – all’amministrazione Nardella. Visto che stiamo esternalizzando una serie di servizi d’istruzione, sentire dall’Assessora Giachi definire alcuni soggetti privati come erogatori di “servizi poco efficienti e gestiti in maniera rudimentale”, che stia molto attenta a non attribuire proprio a questi i servizi comunali. Ci ripensi a quello che sta facendo. Siamo ancora in tempo per cambiare la rotta delle scuole fiorentine”.

Pubblicato lunedì, 30 Maggio 2016 alle 16:27