sas

SaS, Torselli (FdI) e Grassi (Frs): “L’esternalizzazione della manutenzione stradale è la condanna a morte dell’azienda”

“Dopo decenni di pessima gestione, oggi Nardella scrive la parola fine. Quale futuro per i dipendenti?”

“L’esternalizzazione del servizio di manutenzione stradale condanna a morte certa SaS”. Ne sono convinti il capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Torselli e il collega di Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi, che commentano così la seduta di questa mattina nelle commissioni congiunte ambiente e lavoro degli assessori Lorenzo Perra e Stefano Giorgetti.
“Gli assessori ci hanno presentato la delibera che contiene la scelta dell’amministrazione comunale per la società partecipata al 100% dal Comune di Firenze, il ‘frutto’ finale di una serie di gestioni scellerate dell’azienda negli anni passati – attaccano i due capigruppo di opposizione –. I servizi che restano in capo a SaS, inclusa la gestione della depositeria comunale, principale causa di perdite, non sono in grado di tenere in piedi una struttura che annovera 183 dipendenti, la maggior parte dei quali amministrativi”.
“La giunta Nardella ha scelto di procedere, come già sperimentato nel Q2 e nel Q5, con l’affidamento esterno a un’azienda per il cosiddetto ‘global service’. Avevamo chiesto di poter capire, prima di procedere al voto sulla delibera, che cosa ne pensassero il direttore generale ed il presidente, ma il PD ce l’ha negato. E la richiesta nasceva anche dal fatto che nell’ultima audizione in commissione, i dirigenti ci avevano parlato con entusiasmo di investimenti e di prospettive di sviluppo dell’azienda” aggiungono Torselli e Grassi, che concludono: “Così si condanna a morte SaS, dopo anni di una mala gestione che oggi è anche certificata dal tribunale, con la condanna dell’ex direttore Alessandro Bartolini per abuso di ufficio in merito al concorso in cui la figlia aveva ottenuto una promozione”. Una vicenda che era stata raccolta e segnalata proprio da Torselli.

Pubblicato martedì, 13 Dicembre 2016 alle 18:17