Regolamento Urbanistico, Grassi: “Eliminati due interventi ‘critici’ su nostra richiesta durante la commissione urbanistica.”

Non tutte le richieste dei Quartieri sono state accolte dalla Commissione Urbanistica.

“Sul regolamento urbanistico abbiamo sempre messo il massimo impegno per capire, studiare e proporre modifiche nell’interesse della collettività e delle richieste che venivano dal territorio. – afferma il Capogruppo di Firenze riparte a sinistra, Tommaso Grassi – Dopo che nelle settimane scorse avevamo registrato che dai Quartieri erano arrivati in diversi casi davvero poche osservazioni e rilievi rispetto a quello che ci potevamo aspettare dai quartieri più problematici, oggi invece siamo dispiaciuti di aver assistito al rifiuto della maggioranza in Palazzo Vecchio di parte delle richieste dei Consigli circoscrizionali. Alcuni come quelli sul’intervento di Via delle Carra non sono stati presi neppure in considerazione, altri hanno subito una reinterpretazione estensiva che permettesse alla maggioranza di dare l’idea di aver accolto i rilievi ma senza cambiare molto nella sostanza: quest’ultimi sono quasi tutti i rilievi del Quartiere 4, ad esempio per i casi della Chiesa di San Lorenzo a Greve che verrà comunque costruita su un’area a verde, dell’intervento di Via Pisana e della invenzione della strada di collegamento tra i due interventi, oppure la questione dei Nidiaci per la quale l’Assessora Meucci ha proposto di far pagare ai privati anche gli arredi della nuova struttura quando invece si chiedeva dal quartiere di ripensare all’intervento nel complesso.”

“Certo, ci verrà detto che gran parte delle richieste troveranno spazio nella mozione d’indirizzo ma riteniamo che se aveva già poco senso inserire richieste che potevano essere accolte integralmente solo con una modifica del testo del regolamento nella fase dell’adozione, ha ancora meno senso farlo adesso che il piano una volta approvato dal Consiglio diventerà cogente e applicabile. Due però sono state le vittorie dovute al nostro impegno e all’impegno in Commissione: due interventi che ritenevamo critici sono stati stralciati con l’accordo finale anche della maggioranza. E’ stata cancellata l’area su cui sarebbe sorto un campo sportivo in Via Palazzeschi, i cui fondi per l’esproprio erano già stati tolti dal bilancio comunale, ed è stata ‘elimina ta la struttura sportiva prevista nell’area scolastica della scuola Guicciardini. In questo ultimo caso la situazione aveva qualcosa di paradossale: nella scuola c’è da decenni un auditorium incompleto per carenza di fondi e l’amministrazione aveva deciso di far realizzare con un project financing una palestra specializzata a privati all’interno della stessa area scolastica.”

Pubblicato venerdì, 20 Marzo 2015 alle 14:26