ToscanPride2016

Pride 2016, Firenze riparte a sinistra: “Firenze conceda il patrocinio, aderisca alla manifestazione che si svolgerà a Firenze e invii il gonfalone della città”

“Il sindaco Nardella conceda il patrocinio al Pride 2016. Noi saremo a sfilare tra le strade di Firenze e vorremmo che ne prendessero nota anche gli amministratori della città”. Questo l’appello di Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, la Consigliera Donella Verdi e il Consigliere Giacomo Trombi. E aggiungono: “Anche la piazza è un luogo dove si combattono violenza di genere, discriminazioni, sessismo, e si rivendicano diritti per tutte e tutti”. Il gruppo consiliare non nasconde la sorpresa per la totale bocciatura del documento in Commissione Diritti da parte della maggioranza e la non adesione del Comune: “Non ci aspettavamo questa posizione dal Pd, che contrariamente ai Giovani Democratici, non solo non prenderà parte e non aderirà alla manifestazione sui diritti civili ma adesso blocca ogni sostegno e appoggio alla manifestazione del 18 giugno”.

“E’ troppo difficile prendere una posizione e firmare il manifesto politico scritto dalle associazioni? La recente legge – continuano Grassi, Verdi e Trombi – rappresenta solo un primo piccolo passo nella direzione del pieno riconoscimento dei diritti e doveri delle coppie dello stesso sesso, che si vogliono sposare e adottare figli. Cosa dobbiamo attenderci da qui all’eventuale referendum abrogativo sulla legge che il centrodestra bigotto vorrebbe promuovere? Che il Pd lasci libertà di coscienza al proprio elettorato?”
“Abbiamo depositato in Consiglio comunale – conclude il capogruppo – come gruppo consiliare, ma aperta a tutti i consiglieri e le consigliere, che vorranno aderire al testo, una mozione d’adesione al manifesto politico sul quale è stata convocata la manifestazione e un pieno sostegno al Pride fiorentino con l’invito al sindaco di inviare il gonfalone in piazza: il Pd oggi lo ha bocciato compatto senza alcuna defezione e senza neppure accettare che il documento si limitasse ad un sostegno politico alla manifestazione del Pride”.

Pubblicato venerdì, 20 Maggio 2016 alle 17:03