modello_europeo_del_pass_disabilibeffa-parcheggio-firenze-disabili

Posteggio per disabile a Firenze parcheggi, Verdi: “Utente trattenuta per un’ora. Le verifiche necessarie potevano essere fatte senza creare disagi”

Abbiamo appreso dall’Assessore Perra che Firenze Parcheggi, contrariamente a quanto affermato precedentemente, rinuncerà a procedere alla riscossione e metterà sui colonnini in prossimità dei parcheggi le istruzioni necessarie.

Una buona notizia che fa prevalere il buon senso sulla burocrazia.

Detto questo, la questione poteva essere da subito risolta.

La Signora è rimasta oltre un’ora all’interno del parcheggio della stazione ed è potuta uscire solo dopo aver firmato il riconoscimento del debito di euro 626,45.

C’era tutto il tempo per fare le verifiche necessarie e non creare alla signora ulteriori disagi.

E’ mai possibile che chi ha già difficoltà enormi da affrontare debba ulteriormente subire, non perché non abbia il diritto ma, per questioni procedurali assai dubbie.

E’ giusto che si paghino sanzioni quando si infrangono le regole ma, in questo caso non si è trattato di questo.

La signora in questione era in possesso di un regolare permesso per la sosta, valido su tutto il territorio, con tanto di contrassegno.

Una signora disabile, affetta da spina bifida che comporta gravi difficoltà motorie, che aveva tutti i diritti per parcheggiare alla Stazione era stata pesantemente sanzionata perché avrebbe omesso di citofonare a Firenze Parcheggi come prevedeva la procedura.

Ci auguriamo per il futuro che situazioni del genere non si ripetano più.

 

 

Pubblicato lunedì, 14 Marzo 2016 alle 17:59