RossellaCasinicm_obj_30142cm_obj_30141cm_obj_30140

Posta in Borgo La Croce una targa per ricordare Rossella Casini, vittima della ‘ndrangheta.

Questa mattina è stata posta una targa per ricordare Rossella Casini, vittima dell’ndrangheta. La targa è stata posta in Borgo La Croce, dove la ragazza, uccisa nel 1981, abitava con i genitori.

“Dopo tanti anni finalmente, grazie all’interessamento e alle sollecitazioni di Libera, una targa per onorare la memoria di Rossella, forse la prima vittima di mafia riconosciuta della nostra città – ha dichiarato la presidente del consiglio comunale Caterina Biti, intervenuta alla cerimonia –. Rossella Casini ha avuto la grande sfortuna di innamorarsi di un ragazzo la cui famiglia era mafiosa, ha avuto il coraggio di lottare per la verità e la legalità proprio in nome di quell’amore. Le istituzioni si ispirino al coraggio di questa giovane donna per essere sempre al servizio della legalità, della giustizia e della verità”.
Dopo la cerimonia della posa della targa di questa mattina, a cui hanno partecipato anche la presidente della Commissione pari opportunità Serena Perini, i consiglieri comunali Tommaso Grassi e Giacomo Trombi e il presidente del Q3 Alfredo Esposito, la presidente Biti partecipa questo pomeriggio al convegno dedicato a Rossella, organizzato da Comune di Firenze e Libera, alla biblioteca delle Oblate.

Pubblicato lunedì, 22 Febbraio 2016 alle 16:06