Obbligo vaccinale, Grassi: “Garantire continuità educativa fino a fine anno. Attendiamo legge rispettosa”

“La Vicesindaca Giachi rispondendo ad una nostra interrogazione ha chiarito che  sarà possibile garantire la continuità educativa fino a fine anno alle alunne e agli alunni che non sono stati vaccinati e che frequentano gli asili nido e le scuole dell’infanzia a Firenze: bene quindi l’equiparazione della richiesta dell’incontro informativo con l’ASL alla richiesta di vaccinazione. – afferma il Capogruppo di Firenze riparte a sinistra, Tommaso Grassi –  L’informazione e il consenso informato sono priorità che una legge che impone non rispetta, e che è un bene venga ripristinata dagli enti territoriali con un accordo tra istituzioni scolastiche, enti comunali e regionali.”
“Per il prossimo anno scolastico, riteniamo debba essere, il nuovo Parlamento, recentemente eletto, a definire una legge rispettosa del diritto all’istruzione e alla salute, così come previsto dalla nostra Costituzione. Non abbiamo condiviso una legge che impone piuttosto che educare e convincere: la legge è sbagliata perché si basa su dati che non evidenziano una emergenza che non è ancora allarmistica, nega qualsiasi effetto collaterale dei vaccini che invece vanno affrontati per quel che sono e infine perché monetizza nella scuola dell’infanzia un dovere che nega un diritto, quello all’istruzione, negli asili e nelle scuole dell’infanzia. Due pesi e due misure che non hanno senso e che rendono contraddittoria la legge Lorenzin, oltre che inapplicabile nei tempi dettati per l’assenza dei registri regionali dell’ASL in tutta Italia e perché investe pochissime risorse nella diffusione delle informazioni e nell’assistenza alle famiglie.”

Pubblicato giovedì, 15 Marzo 2018 alle 9:50