Nidiaci, il Comune ci dà degli irresponsabili. Ma loro hanno tradito la parola data.

Nidiaci, Firenze riparte a sinistra al Comune e al Quartiere 1: “Irresponsabile è la politica di chi promette in campagna elettorale per poi fare accordi contro la cittadinanza. Il video di Nardella in campagna elettorale lo dimostra.”

“Spiace e preoccupa la povertà lessicale dell’Amministrazione che continua in ogni occasione a definire il nostro operato sia al Comune che al Quartiere “ottuso e irresponsabile”, ma forse l’aver dovuto prendere una decisione contro il volere della popolazione del quartiere e l’imminenza della manifestazione prevista sabato alle 15.30 in Piazza del Carmine creano nell’Assessora Meucci tensione e nervosismo. – affermano i Consiglieri comunali Tommaso Grassi e Giacomo Trombi e la Consigliera comunale Donella Verdi, insieme alla Consigliera Serena Jaff e al Consigliere Mauro Santoni del Quariere 1.”

“La ludoteca e il giardino Nidiaci sono luoghi della popolazione di San Frediano e Santo Spirito da quasi 200 anni. Il Sindaco, l’Assessora all’urbanistica e la Presidente del consiglio comunale avevano promesso che saremo rientrati in possesso dei locali. La registrazione dell’incontro avvenuto in campagna elettorale presente online lo testimonia: basta vedere il primo minuti del discorso di Nardella.”

“Il candidato Nardella, la cui Giunta adesso ci accusa di essere irresponsabili ha detto di fronte alla cittadinanza che ‘l’obiettivo è rientrare in possesso della ludoteca e dello spazio all’aperto l’abbiamo detto anche alla proprietà’ e ha anche aggiunto ‘riprenderemo i rapporti subito dopo le elezioni, … troveremo un accordo … e se non farà questo accordo useremo tutti i mezzi leciti possibili ed immaginabili per ottenere il risultato’, perchè ‘sia chiaro che (il privato) avrà bisogno dell’amministrazione comunale qualunque cosa voglia fare. E persino lo stesso Nardella si era spinto ad affermare che di fronte a ‘tutte le osservazioni che contrastano con l’interesse collettivo’ si sarebbe impegnato a chiedere al Consiglio ‘di respingerle’, minacciando persino che ‘se ci sarà braccio di ferro, non non ci sottrarremo’.”

“Capiamo che era campagna elettorale ma riascoltando le parole del futuro Sindaco non possiamo che sposarle in pieno e chiederci: cosa è cambiato adesso? Non è invece da irresponsabili promettere in campagna elettorale per poi fare accordi contro la cittadinanza svendendo il patrimonio pubblico? Purtroppo adesso deve essere chiaro a tutti che si trattava di una promessa elettorale! Noi chiediamo un atto di esproprio e coerenza da parte dell’Amministrazione con la conferma dei vincoli ad oggi vigenti nel regolamento urbanistico.”

Questo è il collegamento alla intervista del Sindaco Nardella durante la scorsa campagna elettorale: http://m.youtube.com/watch?feature=share&v=kwczKpCjxBs

Pubblicato venerdì, 9 Gennaio 2015 alle 14:36