Irpef, la Giunta canta vittoria, ma è solo la toppa ad una delibera che non rispettava la Legge.

Delibera Irpef in Consiglio, Grassi, Trombi e Verdi: “La Giunta ha mandato in aula una delibera contra-legem”

I consiglieri: “I redditi poco superiori ai 25mila euro pagheranno molto di più”
“E’ uno scandalo: non hanno neppure ammesso di aver sbagliato la delibera”


“E’ una delibera sbagliata, contra-legem. E’ un errore della Giunta che ricadrà su tantissimi fiorentini: la delibera Irpef inviata al Consiglio è uno scandalo. Nascondendo l’errore hanno ottenuto un risultato disastroso e ben differente dall’azzeramento dell’imposta sbandierato ai quattro venti”.

Tommaso Grassi, capogruppo di “Firenze riparte a Sinistra con Sinistra Ecologia e Libertà, Firenze a Sinistra e Rifondazione comunista” insieme alla consigliera Donella Verdi e al consigliere Giacomo Trombi, puntano i riflettori sullo “scivolone” del Comune che “si è accorto dell’errore sulla delibera Irpef che avevamo evidenziato ma poi ha fatto peggio”. 

“La delibera è contra-legem – spiegano i consiglieri  – perché viola l’articolo 1 comma 11 del D.L. 138/2011 che prevede che le aliquote dell’addizionale Irpef comunale, se differenziate, debbano ricalcare gli scaglioni di reddito corrispondenti a quelli previsti dalla legge statale. Ma non esistendo lo scaglione a 25mila euro la delibera è illegittima e contro la legge. Questo nonostante, prima di essere inviata al Consiglio comunale, sia passata il vaglio degli uffici e del segretario generale”. Con la nuova proposta della Giunta, specificano Grassi, Trombi e Verdi, si inserisce “una soglia di esenzione a 25mila euro fin dal 2014. Un dato di fatto che rappresenta sulla carta una buona notizia, ma non così buona come appare. Il risultato infatti è un balzello maggiore per chi avrà un reddito superiore anche di un solo centesimo rispetto a questa soglia. A questi cittadini toccherà pagare l’aliquota dello 0,2% come tutti gli altri, compreso i redditi alti, sull’intero reddito”.
In altre parole, chi ha un reddito di appena 25.001 euro sarà tassato come chi ne ha 100.000 e passa. Ed è “una mannaia inaccettabile”, incalzano i consiglieri comunali.
 
“Sarebbe stato ben diverso se l’Amministrazione – puntualizzano dai banchi dell’opposizione – avesse ammesso l’errore e avesse abbracciato la nostra proposta. Una soluzione percorribile, sensata, regolare e di sinistra che ripresenteremo comunque nella discussione in Consiglio comunale. Avevamo chiesto che fosse prevista, oltre alla soglia di esenzione che per noi era di 28mila euro e non 25mila, anche un’aliquota agevolata dello 0,1% per chi, pur superando quella soglia, si dovesse a trovare a pagare l’addizionale Irpef. E questo sarebbe possibile applicando progressivamente, per recuperare i fondi per i servizi e per finanziare questa operazione di equità sociale, l’innalzamento dell’aliquota per i redditi più alti”.
 
“Invece – incalzano Grassi, Trombi e Verdi – per la Giunta fino a 25.000 non si paga niente e chi ha un reddito di poco più elevato dovrà pagare quanto chi guadagna cinque volte tanto. Non è un’azione d’equità, né un atto di redistribuzione della tassazione a favore dei redditi più bassi. Solo l’ennesimo annuncio – commentano i consiglieri – che lascia amarezza”. Perché “se un’amministrazione, piuttosto che ammettere i propri errori, seppur gravi e imbarazzanti, rilancia la propria scelta nel più spudorato stile renziano, fa apparire quella che è una toppa come un grande risultato”. “Il risultato?  – conclude con retorica il capogruppo Tommaso Grassi – Che Nardella e la sua Giunta hanno fatto il loro annuncio spot per il 2014 ma in realtà quest’anno la copertura è garantita da questi fondi spuntati dal cilindro magico, ma che il prossimo anno se confermata dovrà essere coperta con l’aumento di altre tasse. O con una drammatica riduzione dei servizi: danneggiare i fiorentini solo per coprire uno scivolone politico assolutamente inaccettabile è al limite del paradosso. E non è di sinistra. Ci batteremo per evitare che accada e invitiamo la Giunta a prendere atto dell’errore, con serietà, e rimediare seguendo la nostra proposta. E’ l’unico modo per affrontare il problema in modo corretto e serio come un’Amministrazione che pensa al bene dei cittadini deve fare”.

Pubblicato venerdì, 18 Luglio 2014 alle 13:52