Indagine SaS, Grassi e Torselli: “Bene che il Comune si costituisca parte civile. Ancora molti dubbi sulla gestione presente e di quelle passate.” Prioritario difendere e tutelare i dipendenti assunti negli anni che non hanno alcuna colpa

“Sicuramente la costituzione di parte civile nel processo che vede rinviati a giudizio 8 persone della dirigenza della società integralmente partecipata dal Comune di Firenze, Servizi alla Strada, non può che sollevarci: è giusto che il Comune qualora vi sia condanna si tuteli di fronte a danni provocati da propri dipendenti. Rimangono tuttavia molti dubbi sulla gestione presente e di quelle passate della società.”

“A distanza di anni si rivelano giuste e fondate tutte le polemiche, i rilievi e le denunce che abbiamo sollevato nello scorso mandato sulla gestione della società in Consiglio comunale: dagli appalti ai concorsi che hanno visto l’assunzione di parenti, passando attraverso le esternalizzazioni dei settori delle buche stradali o la vicenda della reinternalizzazione e poi privatizzazione dei carri attrezzi, dei ricorsi ad oltranza senza motivo contro i dipendenti di fronte al tribunale per le cause di lavoro. Certo chiederemo, adesso che le indagini sono concluse, di acquisire i documenti per capire di cosa si tratti e a quale periodo ci si stia riferendo.”

“Riteniamo dire fin da subito che vadano tutelati e difesi tutti i dipendenti assunti negli anni dalla società in quanto questi non hanno alcuna responsabilità di fronte ad eventuali illeciti o irregolarità: hanno prestato degnamente il proprio lavoro a servizio della società e della Città, molto più di tanti Presidenti o dirigenti che con stipendi molto più alti hanno fatto solo danni e creato problemi al personale, ai servizi offerti per il Comune e alla società stessa.”

Pubblicato martedì, 28 Aprile 2015 alle 18:00