Grassi, Verdi e Trombi (Firenze Riparte a Sinistra) e Amato (Gruppo Misto) “Maggio-Danza: l’atteggiamento della Giunta e della Fondazione è semplicemente vergognoso”

Nessuna risposta politica, nemmeno informale, e totale mancanza di cooperazione da parte della Fondazione, che non ha prodotto alcun documento a supporto dell’assessore chiamato a rispondere oggi circa la drammatica situazione delle lavoratrici e dei lavoratori del Maggio Danza.

Troviamo inqualificabile il fatto che il 2 Luglio verrà resa pubblica la programmazione artistica, e ancora non abbiamo alcun elemento per poter capire se la Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino produrrà anche il balletto o meno. Ovvero cosa ne farà di chi ci lavora.

Nel piano di risanamento campeggiano 350.000 euro a copertura di 30 eventi di ballo: il nostro fondato timore è però che a pagare la totale inadeguatezza, per non dire di peggio, della dirigenza della Fondazione, saranno ancora una volta lavoratrici e lavoratori. Nella fattispecie, la nostra paura è che si cancelli il programma artistico del balletto e si proceda inevitabilmente con l’incentivazione all’esodo e l’attivazione di procedure di licenziamento individuale, ovvero uno smembramento feroce del ballo.

Alla nostra richiesta di voler almeno dare una risposta politica in merito alla promessa fatta dal Sindaco Nardella in occasione dell’incontro con il ministro Franceschini (6 Marzo 2015), l’assessore Gianassi ha preferito dribblare le lavoratrici e i lavoratori presenti in aula, e comprensibilmente molto preoccupati, per defilarsi con prudenza nardelliana.

Attendiamo una risposta, che arrivi entro i tempi e che sia quella giusta per il Maggio Danza.

Pubblicato lunedì, 29 Giugno 2015 alle 9:55