Tommaso Grassi

Grassi, Trombi e Verdi (Firenze Riparte a Sinistra) “Brutto risveglio per l’assessora Funaro che scopre di aver sorpassato da destra il ministro Salvini. E di doverglielo pure far presente”

“La linea del Comune di Firenze su sicurezza e immigrazione è in totale subalternità politica a quella della Lega”

Queste le dichiarazioni dei consiglieri del gruppo Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi e Giacomo Trombi e della consigliera Donella Verdi

“Dev’essere stato un brutto risveglio, per l’assessora Funaro, l’aver scoperto di aver sorpassato da destra il ministro Salvini. E di doverglielo pure far presente.
Ha comunque reagito con prontezza, arrivando addirittura a suggerire al ministrissimo in che modo essere più coerente con la sua politica.
La circolare emessa da Salvini ha reso evidenti, crediamo, come le politiche del Comune di Firenze rispetto agli sgomberi ed all’accoglienza, nel continuo ripetere il mantra della legalità e della sicurezza, criminalizzando la povertà, siano solo la copia edulcorata di quanto la Lega e il MoVimento 5 Stelle stanno facendo a livello governativo: politiche feroci, che gettano benzina sul fuoco della paura, che fanno leva sul razzismo e il senso di insicurezza per criminalizzare povertà ed immigrazione. Ha senso, alla luce della Costituzione italiana, il sillogismo per cui siccome un occupante non è a norma di legge un soggetto fragile, allora non sia davvero un soggetto fragile? Ha senso pretendere legalità da chi è considerato illegale in quanto migrante?
Ed emerge in tutta chiarezza come l’amministrazione Nardella, nel parlare di sicurezza, nel perseguire la legalità nel quadro della Bossi-Fini, nello sgomberare immobili occupati, parta dagli stessi assunti e persegua le stesse logiche di Salvini.
Nei giorni in cui Mimmo Lucano è stato arrestato, nei giorni in cui Salvini rilancia l’opinione di un personaggio vicino alle ’Ndrine calabresi proprio per attaccare il modello Riace, il sindaco Nardella invoca la costruzione di un CPR in Toscana, forse anche a Firenze, e l’espulsione per due “falsi mimi” al grido di “#sicurezza”, e l’assessora Funaro bacchetta Salvini, crediamo sia necessario prendere posizioni nette.
Crediamo ci sia bisogno di coraggio: con Mimmo Lucano e il modello Riace, come risposta vera alle ingiustizie, al razzismo e alle politiche della paura e dell’insicurezza, o contro di lui, assieme a Salvini.
I rilievi dell’assessora Funaro sono indubbiamente corretti – su questo siamo d’accordo con lei – ma è altrettanto indubbio che la linea del Comune di Firenze è in totale subalternità politica a quella della Lega”.

Pubblicato lunedì, 8 ottobre 2018 alle 16:52

Iscriviti alla Newsletter