museo novecento

Grassi: “Sosta selvaggia in piazza Duomo, zecche e blatte al Museo del Novecento e 40 milioni non usati nel 2015. Drammatica e caotica gestione Nardella”

“Zecche e blatte al Museo del Novecento e la giunta Nardella minimizza. In piazza Duomo c’era una situazione insostenibile della sosta e il Comune fa pubblica ammenda e 40 milioni di euro rimasti nelle casse dell’ente che non sono stati impiegati nel corso del 2015 per servizi alla cittadinanza e opere per la Città.”. Questi gli argomenti portati da Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, all’attenzione del question time nella seduta odierna del Consiglio comunale. “Un museo aperto da due anni e già in pessime condizioni igienico sanitarie – continua Grassi – migliaia di euro usati per risolvere con urgenza la situazione. Il Comune non dica che si trattava solo di pochi animaletti”.

E incalza : “Al contrario di quello che era sotto gli occhi di tutti. Sosta selvaggia in piazza Duomo. Abbiamo denunciato e documentato la situazione. E solo allora il Comune di Firenze si è attivato per sanzionare chi violava le disposizioni”.

“Insomma – spiega il capogruppo – da una parte c’è l’ammissione di aver sottovaluto un problema esistente e dall’altra quasi una negazione di ciò che stava succedendo al museo sotto le logge delle ex scuole Leopoldine”.

“E per finire in bellezza – ironizza Grassi – l’Assessore Perra balbetta di fronte alla nostra richiesta di sapere di chi sono le responsabilità della situazione del bilancio. Sono 40 I milioni rimasti nelle casse del Comune che non è stato possibile spendere per la Città. Chi è che si assumerà la responsabilità di ciò che è accaduto?”

Pubblicato martedì, 26 Aprile 2016 alle 16:23