Firenze senza assessore alla Cultura. Ma arriva un capo segreteria

Grassi e Torselli: “Assunto a chiamata l’ex segretario di Boeri ai tempi di Milano”.

Il ruolo? Responsabile dell’assessore che non c’è.
A Firenze si assume il nuovo responsabile segreteria dell’assessore alla Cultura. Ma manca l’assegnazione della delega e, di fatto, l’assessorato non esiste.
La denuncia arriva dai consiglieri comunali Tommaso Grassi (Firenze riparte a sinistra) e Francesco Torselli (Fratelli d’Italia-An) che accendono i riflettori su quello che definiscono un “atto emblematico di una politica farsa”. “E’ stato appena assunto a chiamata – spiegano i capigruppo – il nuovo responsabile della segreteria dell’assessore alla Cultura del Comune di Firenze. Senza concorso, avrà con una retribuzione che sfiora i 40.000 euro annui. Peccato che, come sappiamo bene, l’assessore alla Cultura a Firenze non esiste e la delega è rimasta nelle mani del sindaco”.
“L’assessore ombra però – continuano i consiglieri di Firenze riparte a Sinistra e Fratelli d’Italia-An – sembra avere un nome e cognome ed è Stefano Boeri, insignito dell’incarico di consigliere speciale del sindaco per la cultura, il Comune su sua indicazione affida incarichi senza gara per la comunicazione a società che hanno lavorato direttamente con lui”. La denuncia è confermata dalla scelta di questi giorni, da quando Boeri “si è portato a Firenze, assunto come responsabile della segreteria dell’assente assessore alla Cultura, il suo braccio destro ai tempi dell’incarico d’assessore nella giunta milanese”.
“Cosa fa Nardella – concludono i capigruppo – in un periodo in cui sulle teste dei dipendenti continua a pendere la spada di Damocle della messa in mora e si sono visti tagli sostanziali per chi da anni manda avanti il Comune? Assume altre 4 persone a chiamata con stipendi da 30 ai 40.000 euro annui per curare le segreterie di alcuni assessori. Non staremo in silenzio davanti a questi fatti: scelte assolutamente insensate e distanti dalla buona politica per la quale, sebbene da posizioni distanti, lavoriamo ogni giorno e in cui entrambi crediamo profondamente”.

Pubblicato mercoledì, 12 Novembre 2014 alle 11:04