hossein

Fiorino d’Oro al ‘venditore di rose’, FraS Palazzo Vecchio e ai Quartieri: “Piccolo gesto per dire grazie!

Depositata mozione in Consiglio comunale.”Scriviamo una pagina a lieto fine, dopo troppe violenze a Firenze”

“Il gruppo Firenze riparte a sinistra in Consiglio comunale ha depositato una mozione per chiedere al sindaco di conferire il Fiorino d’oro a colui che sabato scorso ha difeso la ragazza aggredita verbalmente e non solo da alcuni ragazzi in centro a Firenze: si chiama Hossain Alamgir, ha 58 anni, e da dodici anni ha lasciato il Bangladesh per scegliere Firenze come città dove vivere. Il gesto del ‘venditore di rose’, così lo ha definito la stessa ragazza su Facebook, rappresenta un gesto encomiabile di cui è stata data risonanza sulla stampa nazionale, dopo che purtroppo la Città di Firenze ha dovuto subire negli ultimi mesi l’eco pubblico delle efferate violenze nei confronti di donne e uomini che stavano svolgendo il proprio lavoro o che erano a Firenze per turismo, per motivi di studio o svago.”

“Abbiamo apprezzato molto che lo scorso anno il sindaco avesse deciso di assegnare questo riconoscimento all’agente della Polizia Municipale che salvò, gettandosi in Arno, una ragazza che stava tentando il suicidio: oggi crediamo che Hossain possa rappresentare per il gesto spontaneo e disinteressato a difesa di una giovane ragazza importunata e offesa da terzi, il miglior esempio per chiunque si trovi ad assistere anche al solo tentativo di violenza o molestia.”

“Come la ragazza prima di congedarsi dopo aver subito la molestia ha deciso di regalargli una fototessera come ringraziamento per quanto aveva fatto, il Comune e la cittadinanza farebbero bene a dare questo riconoscimento a dimostrazione che così come la condanna contro i violentatori deve prescindere da nazionalità o ruolo nella società, anche i buoni esempi e i modelli da seguire possono avere la faccia di Hossain, essere un venditore di rose ed essere originario del Bangladesh.”

“Confidiamo nella volontà unanime di dare questo riconoscimento seppur simbolico e chiederemo al Consiglio e al sindaco di procedere speditamente in questa direzione. Certo, le brutte e drammatiche pagine degli ultimi mesi non potranno essere cancellate da questo gesto ma speriamo possa rappresentare un passo verso una sensibilizzazione e l’abbandono della indifferenza da parte di chi assiste a scene come quelle di sabato scorso che non sono altro che l’anticamera degli episodi di violenza fisica”.

Pubblicato giovedì, 19 Ottobre 2017 alle 9:31