amb. bolkensteinbolkenstein

Bolkestein, Grassi: “Nardella annuncia regole per commercio ambulante. Bene ma non si mettano in difficoltà gli operatori”

Nardella oggi annuncia un piano per il commercio ambulante per mettersi in regola con la direttiva Bolkestein. Un regolamento che, come di solito avviene, dovrebbe essere redatto in commissione essendo competenza del Consiglio comunale. Ma che verrà presentato a scatola chiusa”. Così Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, commenta la comunicazione del sindaco durante la seduta consiliare odierna. E spiega: “L’invito alla collaborazione lo accettiamo, non ci siamo mai tirati indietro in fatto di proposte e soluzioni. Per questo lo ringraziamo per aver cominciato almeno la discussione sull’argomento”.

Tra i dieci punti annunciati oggi – continua Grassi – alcuni ci convincono ma con alcune cautele. Lotta alla rendita sì, lotta all’abusivismo anche, ma ricerchiamo chi gestisce davvero i traffici di merce contraffatta. Invece di concentrare tutte le forze a correre dietro alle persone che vengono sfruttate”.

Il capogruppo dell’opposizione di sinistra in Palazzo Vecchio poi chiede al sindaco: “Cosa significa alleggerire il carico delle bancarelle in centro? Vorremmo saperlo. Perché un banco da mercato turistico difficilmente si trasforma in un banco da mercato rionale. E allora invece che andare incontro agli ambulanti, li mettiamo in difficoltà. Stiamo attenti”.

Vogliamo potenziare i mercati, dare nuove opportunità di lavoro, valorizzare l’artigianato. Come non essere d’accordo – conclude Grassi – con queste parole. Ma da troppo tempo le sentiamo e ancora non abbiamo visto granché. Restiamo in attesa e pronti a dialogare con la maggioranza per trovare una soluzione condivisa per tutta la Città”.

Pubblicato lunedì, 23 Maggio 2016 alle 18:11