Depositi BusItalia ed ex Sita, Grassi: “Approvata oggi la richiesta di monitoraggio Arpat per le polveri sottili”

“Un atto unanime del Consiglio per un problema che riguarda la salute dei cittadini”

“I depositi di Via Cadorna di Bus Italia e in via Santa Caterina da Siena “ex Sita” rappresentano un problema per i residenti. Le polveri sottili e il rumore sono diventati impattanti. Bene che oggi il Consiglio comunale si sia espresso all’unanimità per attivare il monitoraggio Arpat per la qualità dell’aria”. Così Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, esprime soddisfazione per l’approvazione della mozione presentata. E spiega: “A seguito anche di sopralluoghi che abbiamo effettuato e alle numerose segnalazioni dei fiorentini non potevamo non sostenere questa mozione. E’ necessario che vi sia un controllo delle polveri sottili nella zona e non solo, ma che sia anche necessario attivare un percorso con i gestori dei depositi per individuare nuove aree per allocare i mezzi di trasporto pubblico”.

“La salute dei cittadini – conclude Grassi – è una priorità assoluta. Oggi abbiamo sancito il primo passo per attivare un percorso di controllo e di ripristino delle condizioni di salubrità e vivibilità. Saremo attenti e vigili per far sì che si trovino soluzioni al problema”. 

Pubblicato lunedì, 18 Febbraio 2019 alle 18:33