Dehors, quando il Comune fa la frittata e crea problemi inutili.

Dehors in centro, Grassi: “Rilasciate solo 5 concessioni per l’estate”

“Occupazioni di suolo pubblico non autorizzate sparse per tutta la città ”

Incapace di gestire il fenomeno il Comune o bar e locali hanno fatto i furbi?

I dehors in centro sono da sempre elemento di discussione tra commercianti, residenti e Comune. E come ogni estate ne spuntano di nuovi e monta la polemica in città.

“Presi dalla fretta elettorale l’allora Vicesindaco Nardella approvò una delibera che apriva alla possibilità di invadere, nel periodo estivo, le piazze e le strade del centro storico con tavolini e sedie davanti ai locali – afferma Tommaso Grassi – la mancanza di regole chiare e di procedure trasparenti accessibili a tutti temo che abbiano creato molta confusione tra i gestori dei locali e hanno permesso una situazione senza controllo e priva di un piano complessivo organico”.

“Sembrerebbe proprio così visto che – incalza il consigliere Grassi – secondo l’Assessore Bettarini in merito ad una risposta ad una nostra interrogazione, le concessioni rilasciate per il periodo estivo sarebbero solo cinque. Molte meno di quante ce ne risultino realizzate in piazza Santo Spirito per esempio. Come si devono quindi considerare tutte le altre occupazioni di suolo pubblico con tavolini e sedie? Veri e propri abusi o occupazioni di suolo pubblico illegittime? Difficile credere che nessuno in Comune se ne sia reso conto finora. Non accettabile che nessuno abbia detto qualcosa e provato a porre rimedio una volta resosi conto della situazione”.

“Si tratta di una Amministrazione incapace di gestire il fenomeno – conclude il capogruppo – e di tradurre una promessa elettorale in un piano organico. Non impattante per la città. Il sindaco chiarisca la situazione e vi ponga rimedio”.

Pubblicato domenica, 3 Agosto 2014 alle 11:37