Corteo contro le politiche di Renzi, Firenze riparte a sinistra: “La nostra lotta continua. Scendiamo in piazza”

“Diamo volentieri il nostro sostegno a questa iniziativa promossa dalle realtà fiorentine che lottano sull’ambiente, le grandi opere, contro la guerra, sui temi del lavoro e della precarietà, per il diritto allo studio e contro la ‘buona scuola’, la svendita del patrimonio pubblico e le privatizzazioni, per il diritto all’abitare e contro fascismo, razzismo e guerra tra poveri, in difesa dei valori dell’antifascismo”. Questa la dichiarazione dei consiglieri del gruppo Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi, Giacomo Trombi e Donella Verdi.
“Perché tante realtà di sinistra ed antifasciste oggi decidono di manifestare contro il governo Renzi? E perché proprio a Firenze? Certo, perché a Firenze sarà in corso alla Leopolda la consueta riunione del PD renziano, ma in realtà secondo noi è importante manifestare contro le politiche del governo Renzi a Firenze perché proprio la nostra città è stata il laboratorio, o per meglio dire il parco giochi, dell’attuale premier. La risposta alla prima domanda, invece, sta tutta nella schizofrenia di questo PD, che si qualifica come partito di centrosinistra ma porta avanti politiche di destra in tutti i settori. E’ giunto il momento, per chi è davvero di sinistra, di smascherare questo ‘giochino’, e per questo la manifestazione di sabato prossimo a Firenze è importante” hanno aggiunto gli esponenti dell’opposizione.

Pubblicato giovedì, 10 Dicembre 2015 alle 16:10