Consiglio su danni nubifragio al Quartiere 3. La posizione espressa dal gruppo Firenze riparte a sinistra sul tema delle caditoie.

Martedi scorso al Quartiere 3 si è svolto il Consiglio straordinario aperto alla cittadinanza sui danni del nubifragio del 1° agosto: la seduta del Consiglio ha visto la presenza numerosa dei cittadini.

La ViceSindaca Giachi ha posto il problema degli allagamenti ritenendoli non causa di un sistema fognario inadeguato o non controllato, ma che sabato si e’ assistito ad un evento eccezionale a cui la citta’ non poteva essere preparata. La ViceSindaca comunque ha rassicurato che sara’ fatta una pulizia straordinaria alle caditoie e alle strade a seguito di quanto avvenuto.

La Consigliera Sesti ringraziando da una parte dell’impegno preso dal Vice Sindaco di far eseguire una pulizia straordinaria, rispondendo di fatto ad una richiesta inoltrata il 5 agosto via email al Q3 dalla medesima, ha osservato pero’ che se da una parte l’evento era eccezionale,  purtroppo in citta’ e nel quartiere da molti anni si verificano spesso allagamenti  anche senza essere in presenza di eventi eccezionali. Ha riportato il problema degli allagamenti della zona pedecollinare lato via Fortini. In Via Di Ripoli, via Coluccio Salutati, via Giampaolo Orsini, si allagano spesso i fondi commerciali e produttivi, le abitazioni dei piani terra e seminterrato, le cantine: l’acqua arriva direttamente senza prima essere intercettata dalle caditoie lungo via del Larione, dal Parco di Rusciano, Via di Rusciano e via Fortini e si riversa a fiume nella parte a quota piu’ bassa del quartiere. Numerose sono state le richieste inoltrate al Comune dalla cittadinanza che però non hanno avuto alcun riscontro.

La Consigliera Verdi ha confermato in un secondo intervento, che segnalazioni per difficolta’ di ricevimento delle fogne in citta’ sono tante: Piazza Elia della Costa, Fiat-Belfiore, Gignoro, per fare degli esempi. Le competenze sono suddivise tra Quadrifoglio, Publiacqua, Comune e se non coordinate tra loro, rischiano, in taluni casi di peggiorare la situazione, oltre ad un necessario adeguamento del sistema fognario.”

Alcuni interventi sono stati messi in atto dall’Amministrazione comunale ma non sono affatto sufficienti: molti residenti hanno da anni posto spontaneamente e a loro spese delle paratie all’entrate delle unità immobiliari per evitare eccessivi allagamenti.

Le previsioni meteo per i prossimi giorni prevedono presto nuovi acquazzoni, si spera di intensità  ridotta rispetto a sabato scorso, ma le strade dopo anche quanto accaduto, piene di foglie e fango non sono pronte per ricevere un afflusso d’acqua da temporale e le caditoie e le zanelle risultano da tempo non ripulite. Chiediamo quindi che sia rispettato l’impegno il prima possibile prima dei prossimi acquazzoni di una pulizia straordiaria, così come detto dalla ViceSindaca in Consiglio di Quartiere 3.

Pubblicato venerdì, 7 Agosto 2015 alle 10:43