Centro sportivo Settignanese, Grassi: “Aree abusive e zone non conformi” “L’amministrazione non può continuare a fare finta di niente”

Sul centro sportivo delle Settignanese pesano troppi abusi edilizi. E’ pendente addirittura una procedura di accertamento di conformità edilizia del 1994. Ancora senza risposta. E che va contro tutti gli iter previsti, di solito bastano 75 giorni per avere una risoluzione. E se questo non bastasse, ora è venuto fuori che oltre al campo, ci sono problemi di conformità di altre zone all’interno del centro sportivo. Non per ultimo un campo da gioco in sabbia sbucato dal nulla e sul quale è già scaduto un provvedimento di decadenza che per adesso non viene eseguito”. Così Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, interviene in Consiglio comunale dopo la risposta a un’interrogazione presentata all’assessore Vannucci. E incalza “addirittura si decide di spendere 180mila euro per ripristinare alcune parti dopo il nubifragio del 1 agosto, cioè si investono soldi pubblici senza prima procedere a sanare una situazione ormai nota a tutti e insostenibile. Troppo leggero è l’atteggiamento dell’amministrazione. Aree abusive e zone che non sono conformi. Ma la politica dove è? L’assessore Vannucci dice che verranno fatti tutti i passi necessari a proteggere l’interesse pubblico. Ecco ce lo auguriamo sul serio prima che si viva in città una nuova querelle come quella che ha visto la fine dell’impianto dei Canottieri”.

Pubblicato lunedì, 5 Ottobre 2015 alle 17:00