Grassi: “Degli oltre 30 milioni per il Comune di Firenze ancora niente. Renzi ci anticipi la metà?”

Lo Stato deve rimborsare oltre 30 milioni di euro al Comune di Firenze. Per adesso non si è visto nemmeno un centesimo. Ma non farebbe bene Renzi a velocizzare la procedura e dare un po’ di respiro alla città a cui è così legato?” Così ironizza Tommaso Grassi, e aggiunge “Se per caso avvenisse il pagamento di almeno la metà di questi soldi, potremmo davvero fare tante cose. Tra cui un progetto casa, per ristrutturare e costruire alloggi popolari, oppure di stanziare un milione di euro all’anno per le nuove povertà, raddoppiare i contributi per le associazioni culturali, i giovani artisti e la creatività di Firenze, ma anche destinare fondi per i servizi per anziani e disabili, istituire sostegni economici per il caro affitto delle attività commerciali storiche, artigianali e più piccole in centro, o il miglioramento dei servizi per il turismo facendone elevare la qualità. Ed inoltre sarebbe possibile assumere educatori, insegnanti, agenti di Polizia Municipale e assistenti sociali che bloccherebbero ogni tentativo delle privatizzazione e migliorerebbero i servizi e l’offerta alla cittadinanza”.

Sottoponiamo al Consiglio comunale – concludono i consiglieri – le nostre proposte per intero. Quei soldi ci spettano e queste sono le cose che davvero potremmo realizzare”.

 

Pubblicato martedì, 22 Marzo 2016 alle 16:30